NOP recording: prossima uscita del cd con musiche ispirate alle poesie di Dickinson

La NOP alla sua seconda incisione discografica si confronta con le musiche del compositore Francesco Carta. Il giornale di Vicenza del  16 gennaio 2018 dedica un articolo a firma di Stefano Rossi

sessione di registrazione

Dodici romanze ispirate alle poesie di Emily Dickinson

Il progetto ha un titolo semplice, ma un fascino particolare: “Dodici romanze su poesie di Emily Dickinson”. Il pianista e  compositore Francesco Carta ha deciso di tradurre in musica i versi della poetessa statunitenze del XIX secolo. I brani sono stati composti e arrangiati per voce di soprano e orchestra d’archi e saranno interpretati dalla giovane artista giapponese Naoka Ohbayashi e dalla Nuova Orchestra Pedrollo diretta dal M° Gabriele Dal Santo. Francesco Carta concretizza così un  progetto nato anni fa. Diplomato in pianoforte e in musica jazz, è docente nelle scuole statali a indirizzo musicale.

Quando nasce la sua passione per la poetessa?

Risale a molti, molti anni fa. Almeno venti. All’epoca suonavo con la band italo-slovena Devil Doll, il cui fondatore Mr Doctor, mi fece appassionare agli scritti della Dickinson. Iniziai perciò a buttare giù delle idee, rimaste finora nel cassetto. Negli ultimi mesi mi sono detto che era l’ora di concretizzare il progetto. Le composizioni sono leberamente ispirate al mondo poetico della Dickinson, alle suggestioni, alle folgoranti immagini da lei evocate, restituite a nuova vita dalla musica. Si tratta quindi di un’opera originale mai realizzata prima.

Perchè “Romanze”?

Ho preso ispirazione dalle poesie della Dickinson, musicandole e il termine “Romanza” mi è sembrato il più adatto a spiegare queste mie composizioni. La Romanza, secondo la tradizione, è un brano cantato, con accompagnamento strumentale, di carattere sentimentale: amore, natura, morte, eternità sono i temi che la poetessa riduce a una misura tutta particolare, trasformando ciò che è grande e remoto in umile e familiare e viceversa.

Importante è stato l’incontro con il M° Dal Santo e la Nuova Orchestra Pedrollo…

Si, ho parlato di questa idea e fatto visionare le partiture al direttore d’orchestra Gabriele Dal Santo che ha dimostrato interessa per il progetto. Il suo prezioso aiuto e il contributo dei bravissimi musicisti saranno fondamentali per la buona riuscita del lavoro.

Anche l’incontro con Naoka Ohbayashi è stato un elemento fondamentale?

Senza dubbio. Cercavo una voce, un’anima non troppo lirica, ma allo stesso tempo in grado di interpretare le sfumature delle  mie composizioni, sia dal punto di vista tecnico che di sensibilità poetica. Quando lei mi ha detto che avrebbe voluto fare la cantante rock ho capito che poteva avere il giusto equilibrio fra capacità tecniche e temperamento.

Come descriverebbe le sue composizioni?

Si tratta di musica tonale, lontana da certi astrattismi presente in molta musica contemporanea. Le composizioni sono caratterizzate da una grande varietà ritmica, melodica e armonica, per esprimere al meglio tutte le sfumature, anche le più sottili e ricercate, delle poesie di Emily Dickinson.

Quando potremo ascoltarle?

Registreremo ai primi di febbraio, al Coro delle Monache di S. Pietro a Vicenza, di proprietà dell’ipab, che ringrazio per la concessione. Sarà con noi l’importante tecnico del suono Federico Pelle, che possiede la sensibilità giusta e l’esperienza per rendere al meglio l’afflato delle composizioni. E non solo dal punto di vista tecnico…

Quali sono le sue influenze?

Dovendo fare dei nomi, sicuramente Dmitri Shostakovich è tra i miei compositori preferiti, soprattutto per come tratta il tema della morte e per il colore unico della sua musica. Come pianista non posso non adorare Chopin, per la sua genialità delle sue idee folgoranti. Però l’influenza jazz risulta determinante in certi arrangiamenti dei brani. L’impasto poi si basa su un ensemble d’archi e ciò rende il tutto trasfigurato. Confido in un risultato finale potente ed emozionante, così come lo sono le parole della meravigliosa Emily.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *